Nino

Ah … il tempo mio nemico e strano …

SCATTI N. 14598 – 14921 – 14538 – 14694 -14765 – 14998 – 14388 – 14875 29 settembre 2015

Filed under: Filosofia — czz56 @ 22:33
Tags:

 SCATTI

N. 14598 – 14921 – 14538 – 14694 -14765 – 14998 – 14388 – 14875

SCATTO14598

(ANTONINO CUZZOLA)

SCATTO14921

(ANTONINO CUZZOLA)

SCATTO14538

(ANTONINO CUZZOLA)

SCATTO14694

(ANTONINO CUZZOLA)

SCATTO 14765

(ANTONINO CUZZOLA)

SCATTO 14998

(ANTONINO CUZZOLA)

SCATTO14388

(ANTONINO CUZZOLA)

SCATTO14875

(ANTONINO CUZZOLA)

 

ASSISI

Filed under: Filosofia — czz56 @ 21:38
Tags: ,

ASSISI

Assisi 1

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

Assis 1 i

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

Assisi

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

 

FIRENZE

Filed under: Filosofia — czz56 @ 21:29
Tags: ,

FIRENZE

Firenze

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

Firenze 2

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

Firenze 1

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

 

… VORREI …

 … VORREI …

                                      

(Foto Antonino Cuzzola)

… AVESSI SETTE VITE A MANO, IN OGNI CASA ENTREREI PIANO

E MI FAREI FRATELLO O AMANTE, MARITO O BRIGANTE
O MENDICANTE O GIOCATORE
POETA, FABBRO, PAPA, AGRICOLTORE …

… MA HO QUESTA VITA ED IL MIO DESTINO, ED ORA …             

                (F. GUCCINI)

CLEOBULO

CLEOBULO – La patria di Cleobulo fu Lindo, città marittima dell’isola di Rodi. La natura lo aveva dotato di un aspetto molto avvenente e di una presenza assai nobile. Fu universalmente riconosciuto come uno dei setti Savi della Grecia, ma il meno importante, poiché tutta la sua sapienza si limitò a dare alcune massime per ben vivere.

Eccone alcune:
“In ogni cosa bisogna avere ordine, tempo e misura. Non vi è nulla al mondo di più comune che l’ignoranza e i parolai. Conviene nutrir sempre sentimenti elevati, e non essere né ingrato né infedele”.

Prima di uscire di casa convien pensare a ciò che si va a fare; quando si rientra bisogna esaminare tutto ciò che si è fatto. Il parlar poco e l’ascoltar molto è una buona regola. Si deve consigliare sempre ciò che la riflessione ci ha persuaso essere la cosa più ragionevole. E’ necessario non abbandonarsi ai piaceri.

La buona educazione dei figlioli è cosa indispensabile. Quando la fortuna è favorevole non conviene insuperbirsi, né lasciarsi opprimere quando ci volta le spalle. L’uomo deve scegliere una sposa della sua condizione; se è una di nascita più ricca e distinta della sua, egli avrà una padrona e altrettanti padroni quanti ne ha essa.

Un uomo non deve mai lodare né rimproverare la sua moglie in presenza di altri: nel primo caso vi è della debolezza; nel secondo della pazzia”.

Cleobulo impiegò la sua gioventù a viaggiare nell’Egitto ove apprese la filosofia, secondo l’uso di quei tempi. Al suo ritorno si ammogliò con una fanciulla virtuosissima. Da questa unione nacque la celebre Cleobulina, che per la sua applicazione allo studio e per gli eccellenti insegnamenti di suo padre divenne così sapiente da imbarazzare i più abili filosofi di quei tempi, specialmente con gli enigmi. Cleobulo acquistò gran reputazione per la facilità con la quale proponeva e scioglieva gli enigmi.

Egli introdusse nella Grecia l’uso degli enigmi che aveva imparati in Egitto; è fra altri l’autore del seguente: sono un padre che ha dodici figliuoli, ciascuno dei quali ha trenta figlie, ma di differente bellezza. Le une hanno la faccia bianca, le altre le hanno assai nera. Esse sono tutte immortali ma mi muoiono tutti i giorni”.

La soluzione è: l’anno. Cleobulo seppe prudentemente trarre profitto da ogni sorta di vantaggi in una condizione mediocre ed in una vita aliena dalle cure del mondo.

Buon marito, fortunato padre, fu inoltre un cittadino molto stimato. Egli morì in età di settanta anni, 564 avanti l’era volgare. I Lindiani, dispiaciuti di averlo perduto, gli elevarono un magnifico sepolcro con un epitaffio, per onorare eternamente la sua memoria.

https://www.youtube.com/watch?v=aEh8-2OFIxs

 

AH … IL TEMPO MIO NEMICO E STRANO …!

AH … IL TEMPO MIO NEMICO E STRANO …!

TROVA IL TEMPO

AH! IL TEMPO MIO NEMICO E STRANO ...

Foto Antonino Cuzzola

(Foto Antonino Cuzzola)

Trova il Tempo

Trova il Tempo di Lavorare:

è il Prezzo del Successo.

Trova il Tempo di Riflettere:

è la Fonte della Forza.

Trova il Tempo di Giocare:

è il Segreto della Giovinezza.

Trova il Tempo di Leggere:

è la Base del Sapere.

Trova il Tempo d’essere Gentile:

è la Strada della Felicità.

Trova il Tempo di Sognare:

è il Sentiero che porta alle Stelle.

Trova il Tempo d’Amare:

è la Vera Gioia di Vivere.

Trova il Tempo d’essere Felice:

è la Musica dell’Anima.

             Saggezza Irlandese

 

SCATTO 13456

Filed under: Filosofia — czz56 @ 15:02
Tags: ,

SCATTO 13456

Foto Antonino Cuzzola

Foto Antonino Cuzzola

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

 

……Leggiamo il pensiero di Eraclito …. Pànta Rhei! 28 settembre 2015

Pànta Rhei

……Leggiamo il pensiero di Eraclito …. Pànta Rhei!

ERACLITO

Il pensiero di Eraclito ruota attorno a quattro punti fondamentali: il divenire, la contrapposizione tra i contrari, il Lògos, e il fuoco come stoichèion, come elemento naturale che rimane sempre identico a se stesso nel mutare degli altri elementi.

Il divenire

Il divenire è il continuo mutare di tutte le cose da uno stato all’altro. Tutto il cosmo è in continuo mutamento, niente permane nella stessa forma. Lo stesso vivere è un continuo mutare da una condizione all’altra. Pànta Rhei, tutto scorre e tutto va, incessantemente, ed è questo continuo mutare che costituisce il senso stesso del cosmo, il suo principio fondamentale, il suo significato ultimo. Per dirla come Eraclito “non ci si bagna mai nello stesso fiume e non si può toccare due volte una sostanza sensibile nello stesso stato“.

Per Eraclito, il divenire costituisce il principio sul quale poggia il mondo, è l’arché (l’arché, può essere inteso con due significati: principio che è apparso cronologicamente per primo e quindi generatore (ciò che ha prodotto il mondo, ovvero l’elemento alla base di ogni altro ente) e principio conservatore (ciò che mantiene in vita il mondo, senza di esso nulla potrebbe esistere).

Ciò che vi è di identico e non muta, nel mutare di tutte le cose, è lo stesso mutamento. Ogni cosa, infatti, si trova, ad un certo punto della sua esistenza, in una situazione per la quale essa è opposta a tutte le altre, ogni cosa è tutto quello che non è altro. 

Per essere qualcosa, ogni cosa ha quindi bisogno del confronto con le altre molteplici cose per ricavarne la sua specificità, la sua identità.

Il divenire, il mutamento, è nell’evidenza stessa del tempo: ogni cosa è soggetta alla temporalità, ogni aspetto del mondo muta perché e il tempo che costituisce questo stesso mutamento: il tempo si esprime nel passaggio delle cose da uno stato all’altro, e questo passare (questo diventare altro), costituisce l’essenza stessa del cosmo (il cosmo è ciò che è perché in esso si assiste ai molteplici spettacoli del mutamento delle cose).

Ma ancora prima di interpretarla come riflessione sul tempo, la testimonianza di Eraclito produce un senso del divenire ben preciso: il divenire, il mutare delle cose, è determinato dalla stessa contrapposizione tra le cose, il mutare è necessariamente legato al contrapporsi delle cose contrarie.

L’opposizione tra i contrari (‘polemos’)

Dunque, ogni cosa è ciò che è proprio perché ha delle altre cose che ne delimitano l’essenza (ad esempio sappiamo che è giorno perché conosciamo la notte: definiamo il giorno come ciò che si oppone alla notte, se non ci fosse la notte, non potremmo sapere cosa è il giorno). 

Eraclito afferma che non esisterebbe luce senza buio, salute senza malattia, sazietà senza fame, ogni cosa riceve la sua definizione dal confronto con le altre.

Ogni cosa, per esistere e per trovare la propria definizione, ha bisogno delle altre cose, in modo da esprimere la propria identità rapportandosi alle altre. 

Questo concetto è definito da Eraclito come polemos (“contesa”, “guerra”, “opposizione”), o contrasto tra i contrari.

Le cose esistono e continuamente subentrano alle altre (ad esempio il giorno subentra alla notte, il freddo al caldo, l’umido al secco), ed è proprio questa contesa a creare quell’equilibrio necessario a perpetuare l’esistenza di ogni cosa.

La strada in salita e in discesa è una sola e la medesima“.

La metafora testimonia che il molteplice mutare delle cose divenienti (rappresentate dalla discesa e dalla salita) è pur sempre soggetto allo stesso principio (la strada, ovvero l’esistenza stessa): cose opposte e contrarie fra loro sono indissolubilmente legate le une alle altre (se non esistesse la salita, non esisterebbe nemmeno la discesa).

Tutte le cose sono uno” come afferma lo stesso Eraclito, ovvero ogni cosa che si contrappone alle altre ha in comune con le altre un determinato aspetto: il fatto di appartenere a una coppia di opposti, la coppia è “l’uno”.

Nella polemos si esprime un’armonia, una forma di giustizia universalela contrapposizione permanente di ogni aspetto della realtà genera un equilibrio che non permette ad alcun elemento di prevaricare il senso degli altri (ciò sarebbe ingiustizia). 

Nessun elemento può quindi essere prevaricante sugli altri, in quanto non può essere tolto dal suo contesto di relazioni senza perdere il suo stesso significato.

Il ‘Logos’

La legge suprema che governa il mondo, ciò che esprime l’equilibrio tra i contrari, viene definita “logos“.

A questa parola possono essere attribuiti diversi significati: “discorso”, “ragione”, “intelligenza”, “legge”, “pensiero”, “logica”, “regola fondamentale del Tutto”: il logos è la vera e autentica struttura del cosmo, così come si esprime in ogni sua parte.

Il logos rispecchia e rende evidente la struttura di tutte quelle opposizioni tra le cose che rendono possibile il divenire e la vita stessa dell’universo, il logos è la stessa struttura, la legge che esprime la totalità delle relazioni.

Tutte le cose del cosmo, come abbiamo visto, sono accomunate dall’opposizione, dalla relazioni necessarie che si instaurano tra di loro, il logos rappresenta l’insieme stabile di queste relazioni, la loro stessa mappa e spiegazione.

Il rapporto degli uomini con il logos esprime il rapporto con la verità. La legge e l’ordine del Tutto sono una sempiterna ‘Parola’ (logos) che si offre all’ascolto di tutti. I più la sentono, ma non sanno ascoltarla. Ogni giorno vi si imbattono e tuttavia non la intendono. Vivono quindi con in sogno, separati come sono da ciò che è ‘comune’, ossia dalla divina legge del Tutto“. (E. Severino, La filosofia antica).

Eraclito divide gli uomini in svegli e dormienti (i primi sono i sapienti, i filosofi, i secondi la gente comune che ignora la conoscenza). La legge espressa dal logos, ovvero la comprensione delle vere relazioni che si instaurano tra le cose, è alla portata di tutti, ma tutti gli uomini non sono uguali, alcuni intendono questa legge meglio di altri in virtù delle proprie capacità intellettive. 

Chi più sarà in grado di rivolgersi alla comprensione del logos più avvicinerà la verità e la sapienza autentica.

Per Eraclito non è sapiente colui che sa un gran numero di cose, bensì colui che sa cogliere meglio di altri la natura delle relazioni che si instaurano tra le cose.

Il fuoco come ‘stoichèion’

Se il principio unitario che accomuna tutte le cose del mondo è il divenire, per Eraclito l’elemento fisico del quale tutti gli altri elementi sono composti (lo stoichèion), è il fuoco.

Questo perché il fuoco è considerato come elemento destabilizzante, in grado di provocare quel cambiamento che permette alle cose di mutare da uno stato all’altro.

Secondo Eraclito, dal fuoco si sprigionano dei gas, i gas diventano acqua, l’acqua stessa, una volta evaporata, lascia dei residui che vanno a comporre tutti i solidi. Questa idea del fuoco come elemento distruttore e creatore, sarà ripreso più tardi dagli stoici (assieme al concetto di lògos).

–  Scheda di Forma Mentis  –

 

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: