Nino

Ah … il tempo mio nemico e strano …

RIPOSO SETTIMANALE 15 luglio 2018

Filed under: Filosofia — czz56 @ 11:21
Tags: ,

RIPOSO SETTIMANALE

dav

FOTO ANTONINO CUZZOLA

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

Annunci
 

… AMORE ANCILLARE 14 luglio 2018

Filed under: Filosofia — czz56 @ 09:00
Tags: , ,

… AMORE ANCILLARE

Amore ancillare

Foto Antonino Cuzzola

(Foto Antonino Cuzzola)

Ancillare deriva dal latino “ancilla”: suo significato è “schiava” o “serva” o “domestica.”

Si usa in filosofia per fissare rapporto di sudditanza, subordinazione o sottomissione di un’idea o d’una teoria o d’una dottrina rispetto ad un’altra imperante, che le è superiore in importanza e/o in consistenza.

 

… correre è bello …

Filed under: Filosofia — czz56 @ 08:55
Tags: ,

… correre è bello …

correre1correre correre

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

 

… lettura della “verità”! – Primo premio per il cortometraggio – 13 luglio 2018

 Io e i miei figli abbiamo realizzato questo video per dare una nostra

lettura della “verità”!

– Primo premio per il cortometraggio –

 

 

VERITA’

Verità: la congruenza di un’affermazione o di un pensiero con la realtà, da cui consegue che un’asserzione può dirsi vera se si riferisce ad un fatto che realmente sussiste.

Questa concezione della verità viene generalmente definita “teoria della corrispondenza”, e coincide sostanzialmente con l’idea della verità che viene offerta dal linguaggio comune. In filosofia, tuttavia, questa definizione non è incontrastata: soprattutto nel XIX secolo si obiettò che non era chiaro come si dovesse intendere la concordanza (rapporto di corrispondenza) tra linguaggio e realtà.

Vere possono essere soltanto entità linguistiche che appaiono in forma di enunciati dichiarativi con un contenuto dotato di significato (proposizioni affermative o negative); espressioni isolate non possono essere dunque né vere né false.

Fulcro delle teorie filosofiche sulla verità è la ricerca di criteri sulla base dei quali si possano distinguere enunciati veri e falsi. I criteri presi in considerazione sono:

a) il consenso di una comunità (di esperti o anche di profani), che stabilisce cosa all’interno della comunità stessa si debba ritenere di volta in volta vero o falso;

b)  l’utilità pratica di un’opinione ritenuta vera; in questa prospettiva un enunciato concernente un fatto può definirsi vero se l’ipotesi in relazione con il fatto stesso si dimostra efficace;

c)  la coesione interna (coerenza) fra gli elementi di un sistema complesso di enunciati. Sulla base di questo criterio un singolo enunciato appartenente a un sistema di enunciati è vero se è coerente con il sistema e vi si inserisce senza provocare contraddizioni logiche;

d) l’evidenza intuitiva dell’enunciato. In questo caso la verità di un enunciato si fonda sulla sua immediata plausibilità. Tale evidenza riguarda soprattutto enunciati relativi a fatti di immediata verificabilità (osservazioni) nonché principi generali (verità evidenti) e deduzioni di ordine matematico.

Contro ciascuno di questi criteri tuttavia si possono sollevare obiezioni:

a)  contro a) depone il fatto che il consenso fra i membri di una comunità può fondarsi su un errore. Il consenso non dimostra la verità oggettiva di un enunciato: la concordanza d’opinione permette di stabilire che cosa è ritenuto vero, ma non di provare che il contenuto affermato realmente corrisponde alla realtà;

b)  contro il criterio dell’utilità come garante di verità si può opporre che sicuramente anche errori e inganni possono essere utili e che non si può escludere che opinioni erronee possano originare azioni efficaci;

c) il criterio della coerenza all’interno di un sistema di enunciati non è incontestabile perché per ogni sistema A di enunciati in sé concluso può esistere, relativamente allo stesso oggetto, un sistema B alternativo e altrettanto coerente, eppure in contraddizione col sistema A, situazione tale da presupporre più verità mutualmente incompatibili tra loro;

d)   contro il criterio dell’evidenza intuitiva testimonia la possibilità che ogni evidenza sia frutto di inganni.

 

Risulta chiaro come l’individuazione dei criteri di verità si debba scontrare o con l’eventualità sempre presente di errori e inganni, oppure con la mancanza di univocità dei criteri stessi, come d’altra parte scarsamente univoco appare anche il concetto di verità. Per questi motivi nella filosofia contemporanea predomina la convinzione che non sia possibile indicare criteri universali e immodificabili di verità.

 

Socrate, che a differenza dei sofisti non chiese mai compensi in denaro per i suoi insegnamenti, non volle affidare i propri insegnamenti alla parola scritta, né fondò scuole filosofiche; agì, come lui stesso affermava, spinto dal suo daímon (il suo “demone” inteso nel significato di “spirito”), una voce interiore che lo incitava alla fedeltà alle proprie convinzioni etiche e alla vocazione filosofica. Si avvalse di un metodo conoscitivo (da lui definito “maieutico”), volto a portare alla luce la verità che ciascuno ha in sé attraverso quello strumento privilegiato che è il dibattito orale; trascorse pertanto buona parte della sua vita nei luoghi pubblici di Atene o nelle dimore degli amici, dialogando con chiunque, ricco o povero, volesse ascoltarlo o interrogarlo. Egli era convinto così di far scaturire da ogni interlocutore una maggiore consapevolezza di sé: “curando le anime” intendeva farle pervenire alla verità e alla virtù.

 

Relativismo: Posizione filosofica secondo la quale ogni conoscenza è soggettiva, relativa cioè al punto di vista di un singolo individuo, e pertanto non esistono verità assolute in campo epistemologico o principi immutabili in ambito etico, ciascuno giudica il valore di verità di un’asserzione in base alla propria prospettiva conoscitiva.

 

 

LA FILOSOFIA

LA FILOSOFIA

 

(Foto Antonino Cuzzola)

La filosofia non serve a nulla, dirai; ma sappi che proprio perchè priva del legame di servitù é il sapere più nobile.

(Aristotele)

 

… DON’T CRAY FOR ME !

Filed under: Filosofia — czz56 @ 20:35
Tags: ,

… DON’T CRAY FOR ME !

...DON’T CRAY FOR ME !

FOTO ANTONINO CUZZOLA

(Foto Antonino Cuzzola)

 

JAN PALACH e JAN HUS 12 luglio 2018

JAN PALACH e JAN HUS

[…] Son come falchi quei carri appostati,
corron parole sui visi arrossati,
corre il dolore bruciando ogni strada
e lancia grida ogni muro di Praga.
Quando la piazza fermò la sua vita,
sudava sangue la folla ferita,
quando la fiamma col suo fumo nero
lasciò la terra e si alzò verso il cielo,
quando ciascuno ebbe tinta la mano,
quando quel fumo si sparse lontano,
Jan Hus di nuovo sul rogo bruciava
all’orizzonte del cielo di Praga…

Dimmi chi sono quegli uomini lenti
coi pugni stretti e con l’odio fra i denti,
dimmi chi sono quegli uomini stanchi
di chinar la testa e di tirare avanti,
dimmi chi era che il corpo portava,
la città intera che lo accompagnava,
la città intera che muta lanciava
una speranza nel cielo di Praga,

dimmi chi era che il corpo portava,
la città intera che lo accompagnava,
la città intera che muta lanciava
una speranza nel cielo di Praga,
una speranza nel cielo di Praga,
una speranza nel cielo di Praga…

                  (FRANCESCO GUCCINI)

 I DUE JAN

FOTO ANTONINO CUZZOLA

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

Qui mi trovo davanti al Museo Nazionale a Praga,

proprio sul punto dove Jan Palach si recò nel tardo pomeriggio del 16 gennaio 1969 ai piedi della scalinata del Museo Nazionale si cosparse il corpo di benzina e si appiccò il fuoco con un accendino. Rimase lucido durante i tre giorni di agonia. Jan Palach (11 agosto 1948 – 19 gennaio 1969) è stato uno studente cecoslovacco divenuto simbolo della resistenza anti-sovietica del suo Paese.

E’ stato paragonato a Jan Hus, pensatore e riformatore religioso boemo condannato per eresia e bruciato sul rogo nel 1415.

 

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: