Nino

Ah … il tempo mio nemico e strano …

L’Infinita Eco di Dio 5 marzo 2017

L’Infinita Eco di Dio

                                

FOTO ANTONINO CUZZOLA

(FOTO ANTONINO CUZZOLA) 

… ANCHE I PENSIERI HANNO UN’ANIMA …

[…] La tesi fondamentale di Giordano Bruno si può riassumere nel motto tutte le cose hanno un’anima”.

Tale affermazione è il frutto di considerazioni neoplatoniche portate alle estreme conseguenze: se il principio che muove ogni cosa è lo spirito, in veste di “nocchiere della nave”, ovvero di guida che dà l’intelligenza ai corpi, allora ogni ente terreno, sia esso animale, vegetale o minerale è dotato di questo spirito, di questa intelligenza, in varia misura rispetto alla consapevolezza che compete a ciascun ente (l’uomo è più consapevole del proprio spirito rispetto agli animali, gli animali ne sono più consapevoli rispetto ai vegetali, i vegetali lo sono più dei minerali).

Le affermazioni di Bruno traggono forza proprio dalla constatazione spiritualista che il principio che rende le cose vive non può essere generato solamente da fattori fisico-meccanici, ma mostra invece l‘evidenza di un’intelligenza sottesa alle cose, per cui esse sono in un certo modo e si relazionano tra loro secondo un preciso ordine naturale che rappresenta lo stesso principio divino.

Le cose non sono animate solo per il fatto di essere vive e in movimento, ma lo sono anche e soprattutto per avere in sé quel principio strutturale intrinseco che permette loro di acquisire una certa forma e non un’altra.

Questo principio strutturale di tutte le cose è l’anima divina che si palesa nella materia (l’anima plasma la materia eterna e le dà una forma finita e terrena). La materia è incorruttibile e indistruttibile, come del resto l’anima, e quest’anima interviene dando una forma sempre diversa alla stessa materia. Il mutamento nel mondo è allora il mutamento delle forme, mentre lo spirito che le anima rimane fermo a plasmare le cose secondo la propria intelligenza.

 Questo processo è simile a quello che Platone attribuisce al Demiurgo (che nella filosofia platonica rappresenta il mediatore tra il mondo delle idee e la materia, dualismo altrimenti inscindibile. Il demiurgo è l’intelligenza che progetta il mondo, avendo le idee a modello e la materia come strumento).

 Questa visione di un mondo animato dalla presenza del principio divino nella materia organica come in quella inorganica è molto prossima al panteismo: Dio è in ogni cosa come principio vitale, nella pietra come negli uomini, l’intera natura è un grande organismo unitario il quale è esso stesso intelligenza divina […].

 … DA FORMAMENTIS …

… OGNI COMMENTO E’ GRADITO …

Annunci
 

Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà dall’oblio … 24 giugno 2016

Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà dall’oblio

“Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà dall’oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo… l’uomo non ha limiti e quando un giorno se ne renderà conto, sarà libero anche qui in questo mondo” 

Giordano Bruno

Oblio

Foto Antonino Cuzzola

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

 

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: