Nino

Ah … il tempo mio nemico e strano …

… lettura della “verità”! – Primo premio per il cortometraggio – 13 luglio 2018

 Io e i miei figli abbiamo realizzato questo video per dare una nostra

lettura della “verità”!

– Primo premio per il cortometraggio –

 

 

VERITA’

Verità: la congruenza di un’affermazione o di un pensiero con la realtà, da cui consegue che un’asserzione può dirsi vera se si riferisce ad un fatto che realmente sussiste.

Questa concezione della verità viene generalmente definita “teoria della corrispondenza”, e coincide sostanzialmente con l’idea della verità che viene offerta dal linguaggio comune. In filosofia, tuttavia, questa definizione non è incontrastata: soprattutto nel XIX secolo si obiettò che non era chiaro come si dovesse intendere la concordanza (rapporto di corrispondenza) tra linguaggio e realtà.

Vere possono essere soltanto entità linguistiche che appaiono in forma di enunciati dichiarativi con un contenuto dotato di significato (proposizioni affermative o negative); espressioni isolate non possono essere dunque né vere né false.

Fulcro delle teorie filosofiche sulla verità è la ricerca di criteri sulla base dei quali si possano distinguere enunciati veri e falsi. I criteri presi in considerazione sono:

a) il consenso di una comunità (di esperti o anche di profani), che stabilisce cosa all’interno della comunità stessa si debba ritenere di volta in volta vero o falso;

b)  l’utilità pratica di un’opinione ritenuta vera; in questa prospettiva un enunciato concernente un fatto può definirsi vero se l’ipotesi in relazione con il fatto stesso si dimostra efficace;

c)  la coesione interna (coerenza) fra gli elementi di un sistema complesso di enunciati. Sulla base di questo criterio un singolo enunciato appartenente a un sistema di enunciati è vero se è coerente con il sistema e vi si inserisce senza provocare contraddizioni logiche;

d) l’evidenza intuitiva dell’enunciato. In questo caso la verità di un enunciato si fonda sulla sua immediata plausibilità. Tale evidenza riguarda soprattutto enunciati relativi a fatti di immediata verificabilità (osservazioni) nonché principi generali (verità evidenti) e deduzioni di ordine matematico.

Contro ciascuno di questi criteri tuttavia si possono sollevare obiezioni:

a)  contro a) depone il fatto che il consenso fra i membri di una comunità può fondarsi su un errore. Il consenso non dimostra la verità oggettiva di un enunciato: la concordanza d’opinione permette di stabilire che cosa è ritenuto vero, ma non di provare che il contenuto affermato realmente corrisponde alla realtà;

b)  contro il criterio dell’utilità come garante di verità si può opporre che sicuramente anche errori e inganni possono essere utili e che non si può escludere che opinioni erronee possano originare azioni efficaci;

c) il criterio della coerenza all’interno di un sistema di enunciati non è incontestabile perché per ogni sistema A di enunciati in sé concluso può esistere, relativamente allo stesso oggetto, un sistema B alternativo e altrettanto coerente, eppure in contraddizione col sistema A, situazione tale da presupporre più verità mutualmente incompatibili tra loro;

d)   contro il criterio dell’evidenza intuitiva testimonia la possibilità che ogni evidenza sia frutto di inganni.

 

Risulta chiaro come l’individuazione dei criteri di verità si debba scontrare o con l’eventualità sempre presente di errori e inganni, oppure con la mancanza di univocità dei criteri stessi, come d’altra parte scarsamente univoco appare anche il concetto di verità. Per questi motivi nella filosofia contemporanea predomina la convinzione che non sia possibile indicare criteri universali e immodificabili di verità.

 

Socrate, che a differenza dei sofisti non chiese mai compensi in denaro per i suoi insegnamenti, non volle affidare i propri insegnamenti alla parola scritta, né fondò scuole filosofiche; agì, come lui stesso affermava, spinto dal suo daímon (il suo “demone” inteso nel significato di “spirito”), una voce interiore che lo incitava alla fedeltà alle proprie convinzioni etiche e alla vocazione filosofica. Si avvalse di un metodo conoscitivo (da lui definito “maieutico”), volto a portare alla luce la verità che ciascuno ha in sé attraverso quello strumento privilegiato che è il dibattito orale; trascorse pertanto buona parte della sua vita nei luoghi pubblici di Atene o nelle dimore degli amici, dialogando con chiunque, ricco o povero, volesse ascoltarlo o interrogarlo. Egli era convinto così di far scaturire da ogni interlocutore una maggiore consapevolezza di sé: “curando le anime” intendeva farle pervenire alla verità e alla virtù.

 

Relativismo: Posizione filosofica secondo la quale ogni conoscenza è soggettiva, relativa cioè al punto di vista di un singolo individuo, e pertanto non esistono verità assolute in campo epistemologico o principi immutabili in ambito etico, ciascuno giudica il valore di verità di un’asserzione in base alla propria prospettiva conoscitiva.

 

Annunci
 

SULLA SAPIENZA … 21 giugno 2016

Filed under: Filosofia — czz56 @ 16:28
Tags: , ,

SULLA SAPIENZA …

“Certo sono più sapiente io di quest’uomo, anche se poi, probabilmente, tutti e due non sappiamo proprio un bel niente; soltanto che lui crede di sapere e non sa nulla, mentre io, se non so niente, ne sono per lo meno convinto, perciò, un tantino di più ne so di costui, non fosse altro per il fatto che ciò che non so, nemmeno credo di saperlo“

Socrate

Il giuramento di Ippocrate

Foto Antonino Cuzzola

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

 

Socrate 24 maggio 2016

Filed under: Filosofia — czz56 @ 16:51
Tags: ,

“Ci sono persone nate per sgobbare ed altre nate per stare a guardare. Non è questione di salute, né di intelligenza, né di bisogno.

È così e basta!

Dalle prime tutti si aspettano di più, dalle seconde nessuno si aspetta niente.

Per le prime non ci sono mai elogi, qualunque cosa facciano è dovere. Per le seconde è il contrario, poiché non ci si aspetta niente da loro, basta che muovano un dito e tutti si affrettano a coprirle di complimenti.”

                                                                      Socrate

SCATTO 15901

Foto Antonino Cuzzola

(FOTO ANTONINO CUZZOLA)

 

SOCRATE 16 dicembre 2015

Filed under: Filosofia — czz56 @ 14:12
Tags: , , ,

SOCRATE

Mentre la sofistica si limita a una critica delle norme sociali o statali in quanto le ritiene puramente “convenzionali“, Socrate mira a ricostruire la morale sulla base dell’autorità interna della coscienza, guidata dalla ragione e dalla riflessione costante dell’uomo su se stesso e sul suo fare.

Il motto dell’oracolo di Delfi, conosci te stesso, diventa per Socrate l’indicazione della ricerca filosofica. Socrate stesso si ritiene ignorante e non si fa perciò portatore di un qualche sapere compiuto sull’uomo: egli si pone il compito di liberare gli altri da questa fatale illusione di sapere per porre la condizione essenziale alla costruzione di una vera conoscenza. Il metodo della ricerca socratica non può dunque essere che il dialogo.
Tutti parlano con sicurezza di virtù, di giustizia, di coraggio, di bellezza, ma enumerandone i casi particolari collettivamente condivisi. Socrate invece vuole sapere, non quali siano le cose belle, giuste, ma che cosa sia il bello, il giusto ecc., che è comune a tutte le cose che diciamo belle e giuste. La domanda socratica sul che cosa mira infatti alla definizione dell’essenza, all’universalità del concetto.

È per questo che Aristotele attribuisce a Socrate la scoperta del ragionamento induttivo (inteso qui come un processo che da un certo numero di casi particolari risale all’universale).
Se il dialogo si conclude in genere senza la proposta di una precisa definizione, l’interlocutore di Socrate ne esce sempre turbato e in preda al dubbio , ovvero disposto ad ammettere la propria ignoranza e ad impegnarsi nella ricerca del sapere. Suscitando con l’ironia la messa in discussione di se stessi, Socrate, con l’arte della maieutica (del far partorire) aiuta l’interlocutore a esprimere da sé quel tanto di verità che la sua anima possiede: è nel travaglio interno della propria anima che ciascuno deve cercare, e cercare per sempre, la verità che guida la nostra vita. Se il sapere filosofico s’identifica con la conoscenza che l’uomo ha di se stesso, esso è tutt’ uno con il sapere pratico, ovvero, la coscienza morale.

Solo essa consente all’uomo di realizzare la sua umanità sottraendosi agli impulsi e alle passioni e diventando padrone di sé (in questo consiste la libertà umana). La virtù è conoscenza, il male è frutto dell’ignoranza. La conoscenza del bene è tutt’ uno con la sua pratica: solo nella realizzazione razionale della virtù l’uomo è felice.

Insieme al concetto di anima, intesa come interiorità spirituale individuale, l’altro fondamentale contributo di Socrate all’etica è la tesi dell’importanza della cura di sé, come scopo autentico della vita umana.
http://www.alimenaonline.it

 

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: