Nino

Ah … il tempo mio nemico e strano …

VORREI … 10 maggio 2016

Filed under: Filosofia — czz56 @ 18:15
Tags: , ,

VORREI …

[…] Vorrei conoscer l’ odore del tuo paese,
camminare di casa nel tuo giardino,
respirare nell’ aria sale e maggese,
gli aromi della tua salvia e del rosmarino.
Vorrei che tutti gli anziani mi salutassero
parlando con me del tempo e dei giorni andati,
vorrei che gli amici tuoi tutti mi parlassero,
come se amici fossimo sempre stati.
Vorrei incontrare le pietre, le strade, gli usci
e i ciuffi di parietaria attaccati ai muri,
le strisce delle lumache nei loro gusci,
capire tutti gli sguardi dietro agli scuri …[…]

(FRANCESCO GUCCINI)

Stop

Foto Antonino Cuzzola

 (FOTO ANTONINO CUZZOLA)

Annunci
 

… VORREI … 29 settembre 2015

 … VORREI …

                                      

(Foto Antonino Cuzzola)

… AVESSI SETTE VITE A MANO, IN OGNI CASA ENTREREI PIANO

E MI FAREI FRATELLO O AMANTE, MARITO O BRIGANTE
O MENDICANTE O GIOCATORE
POETA, FABBRO, PAPA, AGRICOLTORE …

… MA HO QUESTA VITA ED IL MIO DESTINO, ED ORA …             

                (F. GUCCINI)

CLEOBULO

CLEOBULO – La patria di Cleobulo fu Lindo, città marittima dell’isola di Rodi. La natura lo aveva dotato di un aspetto molto avvenente e di una presenza assai nobile. Fu universalmente riconosciuto come uno dei setti Savi della Grecia, ma il meno importante, poiché tutta la sua sapienza si limitò a dare alcune massime per ben vivere.

Eccone alcune:
“In ogni cosa bisogna avere ordine, tempo e misura. Non vi è nulla al mondo di più comune che l’ignoranza e i parolai. Conviene nutrir sempre sentimenti elevati, e non essere né ingrato né infedele”.

Prima di uscire di casa convien pensare a ciò che si va a fare; quando si rientra bisogna esaminare tutto ciò che si è fatto. Il parlar poco e l’ascoltar molto è una buona regola. Si deve consigliare sempre ciò che la riflessione ci ha persuaso essere la cosa più ragionevole. E’ necessario non abbandonarsi ai piaceri.

La buona educazione dei figlioli è cosa indispensabile. Quando la fortuna è favorevole non conviene insuperbirsi, né lasciarsi opprimere quando ci volta le spalle. L’uomo deve scegliere una sposa della sua condizione; se è una di nascita più ricca e distinta della sua, egli avrà una padrona e altrettanti padroni quanti ne ha essa.

Un uomo non deve mai lodare né rimproverare la sua moglie in presenza di altri: nel primo caso vi è della debolezza; nel secondo della pazzia”.

Cleobulo impiegò la sua gioventù a viaggiare nell’Egitto ove apprese la filosofia, secondo l’uso di quei tempi. Al suo ritorno si ammogliò con una fanciulla virtuosissima. Da questa unione nacque la celebre Cleobulina, che per la sua applicazione allo studio e per gli eccellenti insegnamenti di suo padre divenne così sapiente da imbarazzare i più abili filosofi di quei tempi, specialmente con gli enigmi. Cleobulo acquistò gran reputazione per la facilità con la quale proponeva e scioglieva gli enigmi.

Egli introdusse nella Grecia l’uso degli enigmi che aveva imparati in Egitto; è fra altri l’autore del seguente: sono un padre che ha dodici figliuoli, ciascuno dei quali ha trenta figlie, ma di differente bellezza. Le une hanno la faccia bianca, le altre le hanno assai nera. Esse sono tutte immortali ma mi muoiono tutti i giorni”.

La soluzione è: l’anno. Cleobulo seppe prudentemente trarre profitto da ogni sorta di vantaggi in una condizione mediocre ed in una vita aliena dalle cure del mondo.

Buon marito, fortunato padre, fu inoltre un cittadino molto stimato. Egli morì in età di settanta anni, 564 avanti l’era volgare. I Lindiani, dispiaciuti di averlo perduto, gli elevarono un magnifico sepolcro con un epitaffio, per onorare eternamente la sua memoria.

https://www.youtube.com/watch?v=aEh8-2OFIxs

 

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: